Nuovo stadio Milan: ufficiale il rogito dei terreni di San Donato Milanese

Il Milan ha portato a termine il rogito per l’area San Francesco di San Donato Milanese. Tutti i dettagli del nuovo progetto rossonero e su come Cardinale intende costruire “lo stadio più bello del mondo”.

Il primo passo è stato fatto: il Milan ha acquistato il terreno su cui sorgerà il suo nuovo stadio, a San Donato Milanese. Uno step fondamentale in una nuova era per il club rossonero: Da questo progetto passano infatti gran parte delle ambizioni di RedBird e del patron Gerry Cardinale, il cui piano è quello di rendere il Diavolo nuovamente un riferimento a livello internazionale anche attraverso “stadio più bello del mondo”. Andiamo a scoprire nel dettaglio le caratteristiche principali della prossima casa rossonera. Il nuovo stadio del Milan sorgerà a San Donato Milanese, zona San Francesco nel sud della città. L’area è stata individuata tra cinque potenziali, dopo nove mesi di studi, ed è stata scelta in quanto agevolata dalla sua visibilità e dallo snodo infrastrutturale già presente.  La prima pietra, a sancire l’inizio dei lavori, dovrebbe essere posta salvo complicazioni alla fine dell’anno solare 2024. Il nuovo stadio del Milan avrà circa 70.000 posti a sedere. L’obiettivo del Milan sarà quello di non limitare la costruzione a un semplice impianto sportivo, ma di creare un’area viva 24 ore su 24. Per questo ci sarà ogni possibile comfort: due livelli di parcheggi per più di tremila posti, un albergo, la zona ristoranti, gli uffici, uno store del Milan, un museo, una piazza e persino un auditorium. I lavori di costruzione del nuovo stadio dovrebbero concludersi per la stagione 2028/29, in occasione del 130° anniversario del club rossonero. Il solo stadio dovrebbe venire a costare circa 451 milioni complessivi mentre l’intera operazione, arriverebbe al miliardo: nello specifico, 948 milioni e 857 mila euro.