Pogba e il processo doping: ecco tutti i retroscena

Il centrocampista francese della Juventus sta ancora aspettando la data dell’udienza dopo che con i suoi legali aveva ottenuto lo slittamento.

A partire da oggi ogni giorno potrebbe essere quello buono per definire la data del processo per doping che vede imputato Paul Pogba, i cui legali avevano chiesto il rinvio dell’udienza. Intanto uno dei consulenti scientifici della difesa sarebbe corteggiato dalla Wada, l’agenzia mondiale antidoping. I legali che stanno assistendo il centrocampista francese in questa non facile battaglia legale avevano ottenuto lo slittamento della data dell’udienza in cui si sarebbe dovuto celebrare a Roma il processo presso il Tribunale Nazionale antidoping. Era stata accettata la loro richiesta per cui l’udienza non si è più tenuta il 18 gennaio come già calendarizzato, ma dopo il 15 febbraio. Quello che è certo è che il club bianconero non lo aspetterà ancora a lungo. Anche se la squalifica dovesse essere ridotta ad un paio di anni, infatti, da Torino non sembrano più avere intenzione di puntare ancora sul numero 10, il cui ritorno è stato un flop totale.